Mai mischiare candeggina e aceto, la miscela che spopola per rimuovere la muffa pericolosa per la salute

Pubblicato il giorno

da Valentina Trogu

nella categoria: Lifestyle

La miscela di candeggina e aceto non è la soluzione ideale per risolvere numerosi problemi che frequentemente capitano in casa. 

Chi stanco di spendere soldi ed energie per togliere la muffa dalle pareti di casa o togliere le erbacce usa una miscela di candeggina e aceto fa un grosso errore.

Candeggina e aceto, un rimedio da non utilizzare
Candeggina e aceto, un rimedio da non utilizzare (Machedavvero.it)

L’ipoclorito di sodio è il principale ingrediente della candeggina. Si tratta di un principio attivo ad azione disinfettante a cui bisogna prestare molta attenzione. Diversi prodotti per la casa contengono la candeggina. Sia smacchiatori per tessuti che detergenti per la pulizia del bagno o dei pavimenti.

La funzione di disinfettante è apprezzata dagli utenti ma il cloro liberato può rivelarsi dannoso per la salute. Bisogna fare molta attenzione al tempo di contatto, alla diluizione e alla concentrazione di impiego o si rischia di far danni. Sul web sta spopolando una combo vincente, quella tra candeggina e aceto, una sostanza acida. Ebbene, evitate di preparare la miscela o correte il rischio di finire in ospedale.

Cosa accade mescolando candeggina e aceto

Le due sostanze a contatto provocano un grande rilascio di cloro con conseguente pericolo per le vie respiratorie.

Mai miscelare candeggina e aceto
Mai miscelare candeggina e aceto (Machedavvero.it)

Il web in certi casi aiuti, in altri fa danni. Dal 2001 al 2022 sono stati registrati presso i centri antiveleni francesi ben 204 persone sofferenti per inalazioni di gas di cloro rilasciato dalla miscela di candeggina e aceto. I numeri di avvelenamenti sono aumentati notevolmente dal 2019, da quando per sostituire pesticidi vietati dalla Legge francese, tanti cittadini hanno iniziato a mischiare le due sostanze.

Tosse, difficoltà respiratorie, irritazione delle vie respiratorie e della zone otorinolaringoiatra tra i sintomi più diffusi. Cinque persone sono state ricoverate in ospedale di cui tre in terapia intensiva. Un terzo delle 95 persone visitate presentavano broncospasmo e un terzo opossia. Quattro persone hanno avuto difficoltà respiratoria, quatto postumi fino a sei mesi con difficoltà respiratorie e mancanza di respiro.

Qual è la morale di questi accadimenti? Prima di agire occorre riflettere approfonditamente sull’azione da intraprendere. Informarsi sulla composizione delle sostanze utilizzate e sulle conseguenze di una loro interazione. Mai unire candeggina e aceto. Per togliere le erbacce o rimuovere la muffa dalle pareti di casa occorre trovare altri rimedi ed evitare di finire all’ospedale con problemi ai polmoni.

Ricordate che la candeggina contiene elementi ad alta tossicità, irritanti al contatto, tossici per inalazione e se associata in miscela ad altri liquidi – come l’aceto – può provocare reazioni altamente pericolose.

Impostazioni privacy