Allerta alimentare: ritiro immediato dagli scaffali del supermercato, avviso del Ministero della Salute

Pubblicato il giorno

da Claudia Savanelli

nella categoria: Lifestyle

Il ministero della Salute ha emesso una allerta alimentare e disposto il ritiro dei taralli di un noto marchio. Scopriamo di più.

Mancano poche settimane a Natale e da ormai un mese che sono aumentati gli allarmi alimentari emanati dal ministero della Salute. Tanti i marchi e i prodotti interessati, alcuni magari acquistati anche in vista delle prossime vacanze natalizie.

Taralli ritirati dal ministero della Salute
Taralli ritirati dagli scaffali i un noto supermercato (marchedavvero.it)

Come sempre quando ci sono queste allerte è consigliabile riportare le confezioni “incriminate” nel punto vendita più vicino; in cambio si ottiene un rimborso o un buono spesa di pari importo.

Taralli di un noto marchio ritirati: il motivo preoccupa molti acquirenti

Il ministero della Salute ha lanciato un allarme alimentare e alcuni taralli di un noto marchio sono stati ritirati dagli scaffali dei supermercati.

Taralli Lidl richiamati dal ministero della Salute
Taralli ritirati: ecco marchio e lotti (machedavvero.it

Nello specifico si tratta dei taralli multipack Certossa gusto classico del marchio Lidl e prodotti dall’Azienda Naturpuglia SRL nello stabilimento di Andria, in provincia di Barletta-Andria-Trani.

La nota catena ha subito precisato che ha provveduto al ritiro dei lotti “incriminati” bene prima dell’allarme pubblicato dal Ministero.

Tuttavia, si consiglia a coloro che hanno acquistato i seguenti prodotti di riportarli immediatamente in un punto vendita per il reso; in cambio si potrebbe ottenere un rimborso o un buono spesa.

Nel dettaglio, tutti i supermercati Lidl hanno ritirato dagli scaffali le confezioni di taralli gusto classico nei formati 8×50 grammi (400 grammi) e XXL da 10×50 grammi (500 grammi). I lotti interessati e i termini di conservazione (Tmc) sono i seguenti:

  • fino al lotto 23312 con Tmc 08/11/2024 (formato classico);
  • tutti i lotti e i Tmc fino al lotto 23317 con Tmc 13/11/2024 (formato XXL).

La causa del ritiro è la presenza degli allergeni come soia e senape che potrebbero causare problemi a soggetti allergici e non indicati nell’etichetta. Quindi, la causa non è l’alimento in sé ma la mancata presenza dei due componenti nell’etichetta.

Però, Lidl non è nuova a questo tipo di allarme. infatti, recentemente il ministero della Salute ha ritirato anche un altro prodotto del noto marchio: due lotti di pesce spada (Xiphias galdius) sashimi 50/80. La causa è stata l’eventuale presenza di mercurio oltre i limiti consentiti dalla legge.

Come detto in apertura dell’articolo, nel mese di novembre molti i prodotti ritirati dagli scaffali che riguardano anche altri noti marchi:

  • all’Esselunga ritirati alcune confezioni di marron glace;
  • alla Coop ritirato un lotto di Code di gamberi indopacifici scottate e surgelate;
  • al Penny Market ritirati alcuni lotti di formaggini per “sospetta contaminazione microbiologica (muffa)”.
Impostazioni privacy