Aumento pensioni minime e Assegno sociale: chi sono i fortunati

Pubblicato il giorno

da Antonia Festa

nella categoria: News

Buone notizie per i titolari di pensioni minime e Assegno sociale, che percepiranno importi maggiori. A chi spettano le misure?

Sia la pensione minima sia l’Assegno sociale sono due strumenti di sostegno per anziani che versano in condizioni economiche di disagio.

aumento pensioni
Incrementi di pensione minima e Assegno sociale (machedavvero.it)

La pensione minima è l’integrazione destinata a coloro che percepiscono prestazioni di ammontare inferiore al limite di sopravvivenza. Nel 2023, è stata rivalutata del 7,3%, per gli assegni fino a 4 volte il trattamento minimo e dell’1,5% per quelli inferiori al minimo. Per i pensionati con almeno 75 anni di età, l’incremento è del 14,7%.

Attualmente, la pensione minima corrisponde a 572 euro, ma dal 2024 salirà a 598,60 euro, per effetto della rivalutazione del 5,4%.

Come abbiamo anticipato, per ottenere tale prestazione è necessario possedere specifici requisiti reddituali. In particolare, per il diritto all’integrazione totale al minimo, bisogna possedere un reddito individuale non superiore a 7.329 euro e un reddito coniugale fino a 21.986 euro. Se, invece, si superano tali soglie, l’integrazione spetta solo in misura parziale, a seconda del reddito posseduto.

Assegno sociale: chi può richiederlo e a quando ammonta?

L’Assegno sociale è una prestazione erogata dall’INPS a tutti i soggetti che non godono di una posizione contributiva autonoma, come nel caso dei casalinghi o casalinghe e dei caregivers.

aumento pensione e assegno sociale
Chi ha diritto alla maggiorazione sull’Assegno sociale? (machedavvero.it)

È una misura che non viene riconosciuta in maniera automatica ma solo a domanda e spetta ai soggetti che si trovano in situazioni economiche di disagio e che percepiscono dei redditi insufficienti al sostentamento.

Possono richiederlo i cittadini italiani e gli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno di lungo periodo, che risiedono in Italia da almeno 10 anni. È necessario, inoltre, aver raggiunto i 67 anni di età. Tutti i richiedenti devono risiedere effettivamente in Italia.

L’importo attuale dell’Assegno sociale è di 503,27 euro, rivalutato al 7,3%, ma dal mese di dicembre 2023 salirà a 597,02 euro, per effetto del conguaglio dello 0,8%. Il tasso di inflazione effettivo registrato, infatti, è pari all’8,1%. Da gennaio 2024, invece, la rivalutazione sarà del 5,4% e, dunque, la prestazione avrà un ammontare di 534,40 euro.

L’Assegno sociale viene pagato per 13 mensilità, ma non spetta in misura uguale a tutti i beneficiari. Viene, infatti, accreditato in misura piena a coloro che percepiscono un reddito pari a 0 euro, mentre spetta in misura ridotta a chi ha un reddito personale fino a 6.542,51 euro oppure un reddito coniugale fino a 13.085,02 euro.

Ai fini della determinazione del reddito, vengono presi in considerazione diversi elementi, come la casa di abitazione, il TFR e le varie indennità percepite.

Impostazioni privacy