Cioccolato fondente, cosa succede al nostro corpo se ne mangiamo 30 grammi al giorno: lo avresti mai detto?

Pubblicato il giorno

da Veronica Caliandro

nella categoria: Lifestyle

Quanto cioccolato fondente è possibile mangiare al giorno e cosa accade al nostro corpo? Non lo immaginereste mai!

Ideale per trascorrere un momento all’insegna della dolcezza, è bene non esagerare mai quando si tratta di cibo e in particolare di cioccolato. Ecco cosa dicono gli esperti in merito.

Quanto cioccolato fondente è possibile mangiare secondo gli esperti
ragazza mangia cioccolato (machedavvero.it)

A partire dagli antipasti, passando per primi e secondi, fino ad arrivare alla frutta e ai dolci, sono tanti gli alimenti grazie a cui poter deliziare il palato sia di grandi che di piccini. Immancabili poi dei momenti di pausa, in cui sgranocchiare qualcosa tra un pasto e l’altro. Un argomento indubbiamente comune, sopratutto in un periodo come quello attuale segnato dalle festività natalizie.

Considerato il periodo più magico, infatti, la maggior parte delle persone si prepara a lunghi pranzi e cene in compagnia delle persone care. Tra gli alimenti che non possono sicuramente mancare si annovera il cioccolato. Quest’ultimo, d’altronde, è uno dei più amati.

Cioccolato fondente, quanto se ne può mangiare? La risposta che non ti aspetti

Ideale per chi desidera concedersi un momento di dolcezza, il cioccolato, è bene ricordare, non è tutto uguale. Non parliamo solo del gusto, ma anche delle calorie apportate. Entrando nei dettagli, la tipologia di cioccolato con meno calorie è quello fondente. Quest’ultimo presenta una percentuale particolarmente alta di cacao e pertanto una quantità inferiore di zucchero. Ma non solo, il cioccolato fondente è in grado di apportare diversi benefici.

Quanto cioccolato fondente è possibile mangiare secondo gli esperti
cioccolato fondente (machedavvero.it)

In particolare si stima che una tavoletta di circa 100 grammi di cioccolato fondente presenta tra i 50 e i 60 mg di flavonoidi. Quest’ultimi sono degli antiossidanti naturali e aiutano a ridurre il rischio di ipertensione e di avere il colesterolo cattivo. Ma non solo, aiutano a prevenire l’insorgenza di diverse malattie cardiovascolari, come ad esempio l’ictus o l’infarto. Volgendo un occhio alle altre tipologie di cioccolato, interesserà sapere che mediamente quello al latte contiene circa 10 mg di flavonoidi; mentre sono del tutto assenti nel cioccolato bianco.

Come è facile intuire, pertanto, sarebbe opportuno preferire il cioccolato fondente. A tal proposito, secondo alcuni esperti, è possibile mangiare fino a circa 30 grammi di cioccolato fondente al giorno. Il tutto senza rischiare di incorrere in spiacevoli conseguenze. Il consiglio comunque è sempre di non esagerare e magari prestare attenzione anche a quali altri alimenti si mangiano, in modo tale da evitare di assumere calorie in eccesso. In caso di dubbi, inoltre, è sempre opportuno rivolgersi ad un nutrizionista o dietologo che sarà in grado di fornire consigli mirati tenendo conto della propria situazione personale.

Impostazioni privacy