Genitori anziani, non sottovalutare questo rischio: potresti pentirtene

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

La sottoscrizione delle polizze LTC sta diventando una realtà da prendere in considerazione: ecco perché ne avremo sempre più bisogno.

Le tendenze demografiche in Italia stanno subendo un cambiamento sostanziale, con un invecchiamento della popolazione che chiama in causa il sistema assistenziale mettendo a dura prova le risorse finanziarie delle famiglie. L’incertezza sulle cure a lungo termine sta portando alle famiglie ad affidarsi alle compagnie assicurative tramite le polizze di Long Term Care (LTC).

Cosa prevedono polizze TLC
Le polizze TLC saranno sempre più importanti – (Machedavvero.it)

L’Italia si trova davanti ad un invecchiamento demografico molto sostanzioso. Questa evoluzione porta con sé una sfida crescente inerente alle malattie croniche e alla necessità di cure a lungo termine. Nel 2019 per gli uomini era 81 anni mentre per le donne 85,3 anni in aumento rispetto a solo 8 anni prima.

Il trend genera alcune domande fondamentali sul finanziamento delle spese sanitarie e assistenziali, soprattutto per gli anziani che possono trovarsi in una fase della vita senza tante risorse finanziarie. Cerchiamo quindi di conoscere meglio le polizze LTC e perché stanno diventando sempre più importanti.

Cosa sono le polizze LTC e perché saranno sempre più essenziali

Attualmente l’Italia è il secondo paese al mondo con il maggior numero di anziani, dietro al Giappone. Secondo l’Istat, ad inizio 2023, gli ultrasessantacinquenni erano 14 milioni e 177 mila, il 24,1% della popolazione totale. L’arco della vita si allunga sempre di più ed aumenta il rischio di diventare non autosufficienti a causa di una patologia, di un infortunio o solo per il semplice invecchiamento.

Come funzionano le polizze LTC
Cosa sapere sulle polizze LTC – (Machedavvero.it)

Quando una persona diventa non autosufficiente, la famiglia ha tre opzioni da considerare: prendersi cura direttamente del proprio familiare; farsi aiutare da una badante; ricorrere ai servizi di una RSA. Le tre soluzioni conducono a dei costi decisamente rilevanti e per questo motivo può essere davvero importante stipulare una copertura assicurativa adeguata.

Le polizze definiscono come non autosufficiente una costante assistenza da parte di una terza persona e l’impossibilità di compiere almeno quattro delle sei attività elementari della vita quotidiana: vestirsi, lavarsi, spostarsi, alimentarsi, provvedere all’igiene personale e controllare le funzioni corporali. In questo contesto entrano in scena le polizze LTC vita e polizze LTC malattia, con le prime che si suddividono in vita intera o temporanea:

  • Polizze LTC a vita intera: sono le più diffuse e prevedono il pagamento dei premi per tutta la vita dell’assicurato. Quando sopraggiunge la non autosufficienza, il pagamento viene interrotto a favore di una rendita che dura finché l’assicurato è in vita o non diventa di nuovo autosufficiente;
  • Polizze LTC a vita temporanea: il pagamento del premio avviene entro un certo numero di anni ma la copertura dura per tutta la vita. Il pagamento della rendita si verifica quando si perde l’autosufficienza;
  • Polizze LTC malattia: si prevede il rimborso delle spese mediche sostenute, nei limiti di un massimale previsto dal contratto.

Le polizze LTC sono detraibili ai fini Irpef per il 19% dei premi annui versati, con una detrazione massima che può arrivare fino a 245,32 euro annuali.

Impostazioni privacy