Pensione bloccata se non hai inviato questo modulo, chi deve inviarlo entro il 28 febbraio

Pubblicato il giorno

da Valentina Trogu

nella categoria: News

Quando devono inviare il modello RED gli invalidi civili? C’è una scadenza precisa da rispettare o si può fare durante tutto il corso dell’anno?

Il modello RED è una dichiarazione reddituale che alcuni pensionati devono trasmettere all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

Modello RED e invalidità civile, i tempi di consegna
Modello RED e invalidità civile, i tempi di consegna (Machedavvero.it)

I pensionati beneficiari di prestazioni collegate al reddito devono inviare all’INPS il modello RED per consentire all’ente della previdenza sociale di verificare il diritto ai trattamenti. L’obbligo si rivolge a chi non presenta il Modello 730/Redditi Persone Fisiche e a chi percepisce redditi differenti da quelli da dichiarare nel 730.

L’INPS non ricorda la scadenza dell’invio ai pensionati inviando un promemoria cartaceo. Occorre prestare attenzione, dunque, alle aperture della campagna RED per evitare di saltare la scadenza. Nel 2024 occorrerà riferire i redditi del 2023 entro il 28 febbraio. La dichiarazione con scadenza annuale può essere presentata all’INPS telematicamente accedendo alla sezione dedicata sul portale inps.it a cui si accede con credenziali digitali (SPID, Carta di Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi). In alternativa il pensionato potrà decidere di chiamare il Contact Center (06 164 164 da mobile o 803 164 da fisso) o di rivolgersi ai CAF e patronati.

Modello RED, chi deve inviarlo entro il 28 febbraio

Il modello RED 2024 deve essere inoltrato dai pensionati che nel 2023 non hanno ricevuto altri redditi se non quelli da pensione a condizione che la situazione reddituale sia rimasta invariata rispetto l’anno precedente.

Modello RED, i dettagli della dichiarazione
Modello RED, i dettagli della dichiarazione (Machedavvero.it)

L’obbligo coinvolge anche i titolari di prestazioni collegate al reddito che non sono comunicate all’Agenzia delle Entrate e prestazioni agevolate. Nello specifico devono presentare il modello RED i percettori di

  • assegni di invalidità,
  • trattamenti di famiglia,
  • integrazione al minimo,
  • maggiorazioni sulle pensioni,
  • assegni sociali,
  • pensioni sociali,
  • prestazioni per invalidità civile,
  • la quattordicesima.

Il modello INVCIV, invece, deve essere presentato da chi riceve l’indennità di accompagnamento o di indennità di frequenza, l’assegno mensile e la pensione/assegno sociale.

Se la scadenza della presentazione dovesse essere superata, l’INPS provvederà a sospendere per 60 giorni le prestazioni percepite dall’interessato. Questo dovrà provvedere subito all’invio della dichiarazione oppure i trattamenti verranno sospesi definitivamente.

I pensionati che si rivolgono ai CAF e ai patronati per l’invio del modello RED dovranno portare con sé la copia del documento di riconoscimento, la tessera sanitaria del dichiarante e del coniuge, la delega qualora si fosse delegati dall’interessato, il modello CU con i redditi da lavoro dipendente, il modello 730 e REDDITI oppure le certificazioni di pensioni estere o i redditi di lavoro dipendente prestato all’estero. Da riportare anche le rendite vitalizie, le visure catastali degli immobili di proprietà e i dati sugli interessi bancari, postali, BOT e CCT.

Impostazioni privacy