Semi di Lino, non sempre fanno bene, l’errore che commettono in molti con conseguenze disastrose

Pubblicato il giorno

da Stefania Guerra

nella categoria: Lifestyle

Di recente sono stati rivalutati i benefici di molti alimenti, come i semi di lino; però non tutti sanno come consumarli correttamente.

I semi di Lino, così come altri semi, possono offrire tanti benefici alla salute. Si pensi alle azioni antinfiammatorie, antiossidanti, e anche a quelle a carico della circolazione sanguigna o dell’equilibrio della pressione sanguigna. Alcuni sostengono che i semi di Lino abbiano addirittura poteri antitumorali, grazie alla grande quantità di omega-3 che contengono.

errore nel consumare i semi di lino
C’è un errore che fanno in molti nel consumare i semi di Lino – Machedavvero.it

Sicuramente inserire nella dieta i semi, così come quelli di Lino, può aiutare a regolare l’attività intestinale e di conseguenza anche aumentare le difese immunitarie. Molti consigliano di mangiarli tali e quali, aggiunti magari a insalate, salse, yogurt o verdure.

Ma non sempre si riesce a comprendere come mangiare correttamente un alimento per sfruttarne appieno gli effetti benefici. Nel caso dei semi di lino, ad esempio, tante persone commettono un errore. Ecco di quale si tratta e a cosa può portare.

Semi di Lino, non mangiarli così, fai attenzione!

I semi di lino contengono sostanze benefiche in grado di migliorare la salute in diversi casi, anche per esempio alle donne in menopausa.

i gusci dei semi di lino sono pericolose
Attenzione al guscio dei semi di Lino, non è digeribile – Machedavvero.it

In questo caso il merito è dei lignani, sostanze che riescono a limitare i disagi dovuti ai cambiamenti ormonali, e grazie agli Omega-3 le donne in menopausa possono lenire i sintomi dei fisiologici dolori articolari.

Ma è anche vero che non si possono mangiare i semi di Lino così come sono: sono infatti ricoperti da un guscio protettivo che per gli esseri umani è difficilmente digeribile. Inoltre il guscio impedisce anche la corretta assimilazione delle sostanze nutritive. In sintesi, mangiare i semi col guscio equivale a trarre poco beneficio e inoltre si può andare incontro a disturbi gastrointestinali.

Per fortuna la soluzione esiste ed è anche facile facile.

  • Basta macinare i semi di lino in un macinacaffè, o in un frullatore potente. In questo modo il guscio sminuzzato sarà più digeribile e non impedirà l’assorbimento delle preziose sostanze benefiche.

In linea generale, poi, si sconsiglia di superare la dose di due cucchiai al giorno, e ovviamente a seconda del proprio stato di salute è sempre bene consultare il medico curante, così come se si stanno assumendo farmaci o altri tipi di integratore.

Ecco che con pochi e semplici accorgimenti potremo usare i nostri semi di lino tritati non solo nelle ricette ma anche come farina per preparare dolci e panificati.

Impostazioni privacy