Azioni in calo, pericolo per gli investitori: gli elementi che potrebbero ingannarli

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

La borsa ha evidenziato delle azioni in calo con forti volumi che potrebbero ingannare gli investitori: cosa sta accadendo.

Il tema degli investimenti tiene banco a seguito della recente chiusura della borsa. Nell’ultima seduta si sono evidenziate delle azioni scese con forti volumi che potrebbero causare qualche problema agli investitori. Per questo motivo bisogna fare decisa attenzione su come si decide di proseguire.

Azioni calo preoccupazione
Grande preoccupazione per le recenti azioni scese con forti volumi – (Machedavvero.it)

Gli investimenti sono sempre un tema delicato perché le cose possono cambiare improvvisamente, a maggior ragione davanti ad una situazione economica profondamente instabile e complicata. Tra interessi, tasse, svalutazioni, ammortamenti, emergono margini aziendali notevolmente alti che porta a posizionare le società nella sezione dei migliori performer della borsa.

Gli investitori che sono alla ricerca di un determinato tipo di rendimento potrebbero trovare interessante questo tipo di strada, data la prospettiva del dividendo che alle quotazioni attuali potrebbe toccare circa il 3%. Cerchiamo di capire meglio cosa consigliano gli analisti e quali sono i punti deboli derivati dai dati evidenziati in chiusura della borsa.

Attenzione agli investimenti: i punti su cui ragionare prima di procedere

Dalla situazione attuale gli analisti hanno diffuso una raccomandazione prevalentemente positiva, che sottolinea la fiducia diffusa nella solidità aziendale. La visibilità sulle prossime attività si prevede eccellente, con un consenso tra gli analisti in merito ai futuri ricavi che conferma la solidità delle stime.

I dati che potrebbero ingannare gli investitori
Cosa potrebbe ingannare gli investitori – (Machedavvero.it)

La situazione che ha acceso l’attenzione generale riguarda le azioni Inwit che nella seduta del 11 dicembre ha manifestato un ribasso dell’1,04% rispetto alla seduta precedente. Le quotazioni hanno ritracciato e potrebbero accelerare al ribasso secondo lo scenario tracciato dagli esperti.

Questo risultato ha portato molti a considerare la società in una situazione finanziaria non semplice, caratterizzata da un alto indebitamento netto e un EBITDA basso. La valutazione in termini di multipli degli utili appare un po’ elevata, e conduce a qualche preoccupazione tra gli investitori che potrebbero valutare l’azione in modo alto rispetto ai potenziali guadagni.

L’andamento negativo delle revisioni fatte dagli analisti nell’ultimo anno potrebbe generare delle forti preoccupazioni in merito al futuro dell’azienda, influenzando in maniera negativa anche la percezione del mercato. Dunque, la serata del’11 gennaio ha messo in evidenza una situazione che gli analisti e gli investitori tengono sotto osservazione. Non resta che attendere le prossime settimane per vedere se qualche indicatore dell’azienda cambierà oppure le preoccupazioni generali saranno confermate.

Impostazioni privacy