Hai una psicopatia? Controlla subito le dita: l’indice la dice lunga su di te

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

Un recente studio ha trovato un legame tra la lunghezza delle dita e la psicopatia: ecco cosa dicono gli esperti.

La mente umana è un elemento molto complesso da analizzare e che può prendere improvvisamente dei percorsi inaspettati. Un nuovo studio ha svelato che ci sarebbe una correlazione tra la lunghezza delle dita e i problemi psichiatrici, un legame che ha sorpreso anche gli stessi ricercatori.

Dita problemi psichiatrici
Uno studio ha rilevato la correlazione tra la lunghezza delle dita e la psicopatia – (Machedavvero.it)

Fino a questo momento notare dettagli come la manipolazione, l’aggressività e la mancanza di empatia potevano far intuire qualcosa in tal senso, anche se poi bisognava confermare il dubbio tramite uno specialista. Ora, la ricerca suggerisce che esiste un modo più semplice per individuare una persona con problemi psichiatrici, che risiederebbe nella lunghezza dell’indice e dell’anulare, in particolar modo della mano destra.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Psychiatric Research, con gli scienziati che hanno scansionato la mano destra di 80 volontari alla ricerca di eventuali problemi di natura mentale. Degli 80 volontari, ben 44 hanno ricevuto in passato una diagnosi inerente a problemi psichiatrici.

La lunghezza delle dita è segno di psicopatia? I risultati dello studio

Lo studio condotto dai ricercatori sembra dimostrare una correlazione tra i problemi psichiatrici e la lunghezza delle dita. Quanto emerso sembra dimostrare che la psicopatia sembrerebbe più comune tra quelli con un dito indice più corto e un anulare più lungo, indicato come “un rapporto 2D:4D più basso“.

Studio lunghezza dita psicopatia
Mano di una ragazza – (Machedavvero.it)

I ricercatori ritengono che questo rapporto più basso sia correlato in maniera diretta all’esposizione di un feto a livelli più elevati di testosterone e a livelli più bassi di estrogeni durante il primo trimestre.

Lo studio ha rilevato che le persone con un indice più corto e un anulare più lungo erano associati ad elementi che li hanno portati ad ottenere alti punteggi in materia di sensibilità al narcisismo e intolleranza all’incertezza. Sono stati associati a tratti più alti della Triade Oscura, che secondo Psychology Today, è un trio di tratti negativi della personalità: narcisismo, machiavellismo e psicopatia.

Uno studio fatto nel 2022 e pubblicato sulla rivista Heliyon ha confrontato il rapporto 2D:4D della mano destra ed ha rilevato che i maschi mostrano rapporti inferiori rispetto alle donne. Inoltre, il gruppo di sviluppatori ha notato che i bassi rapporti erano collegati a livelli più alti di egocentrismo nei maschi rispetto alle donne.

I vari studi hanno messo in luce un certo tipo di scenario, ma naturalmente avere questa conformazione delle dita non rende una persona automaticamente psicopatica. Piuttosto, può portare quella persona a mostrare un modello specifico di comportamento.

Impostazioni privacy