Parcheggio auto in condominio, attenzione al tempo dello stallo: c’è un limite da rispettare

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

Il parcheggio auto in condominio è sempre un tema molto caldo ed è necessario fare attenzione al tempo dello stallo perché c’è un limite da rispettare: ecco che cosa sapere.

Uno dei temi condominiali più rilevanti è la gestione degli stalli dei parcheggi delle vetture, soprattutto se si considera la domanda sempre più crescente di spazi adibiti per la sosta dei veicoli.

Parcheggio auto condominio limiti
Ci sono dei limiti per il parcheggio dell’auto nel condominio – machedavvero.it

La questione del parcheggio auto in condominio è sempre stata molto delicata. La carenza di spazi per il posteggio delle macchine, soprattutto nei centri urbani, è avvertita fino a spingere moltissimi automobilisti nell’occupare per un tempo prolungato gli stalli condominiali.

Per evitare di fare errori e andare incontro a rischi è necessario interrogarsi sulle normative attualmente vigenti in materia, conoscendo in questo modo le regole che disciplinano l’occupazione prolungata dei parcheggi. Questo perché è necessario sapere che esiste un limite temporale per l’uso di queste aree

Parcheggio auto in condominio: le regole

Il problema in merito al parcheggio auto in condominio si presenta soprattutto quando sono ferme quelle vetture che non possono circolare per svariati motivi: perché obsolete, senza assicurazione, danneggiate e a volte oggetto di fermo amministrativo. Se queste macchine vengono lasciate nelle aree di sosta impediscono ai condomini di parcheggiare e usare quello spazio.

Parcheggio auto condominio: regole
Le regole per il parecchio nei condomini – machedavvero.it

È importante sapere che l’uso di una risorsa comune non può perdurare per un periodo prolungato eccessivamente altrimenti si parla di abuso del diritto, come spiegato dai tribunali. In questo caso specifico: non è permessa una sosta a tempo indeterminato e il limite di tempo dipende dal regolamento condominiale o dalle delibere decise nel corso di una assemblea e votate a maggioranza.

In genere, possiamo dire, che le regole prevedono l’uso a turni degli spazi destinati ai condomini o con una durata massima. In questo modo l’eccesso sarà regolato e l’utilizzo sarà equo per tutti, garantendo in questo modo il rispetto delle esigenze a tutti i condomini. È un tema spinoso, tanto che più volte la Corte di Cassazione e i tribunali sono intervenuti nel merito.

Nel caso in cui la sosta da parte di un condomino dura più del tempo, si parla di comportamento che viola la regola sull’uso paritario enunciata nell’articolo 1102 del Codice Civile, proprio perché ci sarebbe una limitazione dell’uso dello spazio comune per gli altri condomini. Per questo motivo è impiotante conoscere il regolamento o le delibere condominiali.

Impostazioni privacy