Pixel bruciato, non portare il dispositivo in riparazione: le soluzioni che possono risolvere il problema

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

Prima di portare un dispositivo in assistenza per un pixel bruciato ci sono delle soluzioni da considerare: questa possono salvarti.

I monitor e i display degli smartphone possono essere raggiunti da una problematica decisamente fastidiosa. Notare un pixel bruciato crea subito un problema perché impedisce la corretta visualizzazione dello schermo di riferimento. La prima idea è di affidarsi ad un tecnico esperto ma grazie ad alcune piattaforme si può eseguire un ultimo tentativo.

pixel bruciato soluzioni
Le soluzioni per il pixel bruciato – (Machedavvero.it)

Rivolgersi all’assistenza richiede del tempo soprattutto nella fase di riparazione. Per questo motivo può essere utile conoscere delle piccole soluzioni da poter utilizzare autonomamente. Molto spesso procedere in questo modo si collega ad una discreta probabilità di successo. Entriamo nei dettagli e vediamo le soluzioni da applicare in caso di pixel bruciato.

Le soluzioni in caso di pixel bruciato: hanno ottime probabilità di successo

Prima di iniziare è necessario determinare perfettamente se il pixel è bruciato oppure solobloccato“. Il pixel bloccato si manifesta quando uno o due dei subpixel restano accesi con gli altri spenti. L’aspetto può variare in base a quali subpixel stanno funzionando correttamente. Un pixel bruciato compare quando un intero pixel o un insieme di subpixel restano spenti. In genere, quello bloccato risulta più semplice da sistemare rispetto a quello bruciato.

App per pixel bruciato o bloccato
Come risolvere il problema del pixel bloccato o bruciato – (Machedavvero.it)

Dopo aver verificato l’entità del problema è utile conoscere lo stato della garanzia perché può essere più semplice rivolgersi all’assistenza. Diverso è il discorso per chi presenta una garanzia scaduta e proprio per loro può essere utile conoscere due soluzioni: PixelHealer e JScreenFix.

PixelHealer è un’app gratuita per la maggior parte delle versioni recenti di Windows. Dopo averla scaricata si aprirà un box colorato da sistemare adeguatamente in base alla posizione e alle dimensioni del pixel bloccato. Una volta sistemato il box si potrà procedere con il pulsante “Start Flashing“, facendo attenzione a non guardare direttamente il box. La finestra inizierà a lampeggiare in più colori e dovrà essere lasciata per circa 30 minuti per poi riprovare un paio di volte. C’è un’alta probabilità di risoluzione se si parla di un pixel bloccato ma nessuno vieta di provare anche in caso di pixel presumibilmente spento.

JScreenFix è un’app web utilizzabile su più piattaforme, comprese iOS e MacOS. Per utilizzarla basta andare sul sito e cliccare il pulsante Launch JScreenFix situato in fondo alla pagina, e trascinare la finestra con il rumore bianco nella posizione del pixel bloccato lasciando l’esecuzione per circa 30 minuti. Se non dovesse funzionare è possibile provare uno degli strumenti presenti sulla piattaforma.

Impostazioni privacy