Quando la Pensione di Invalidità Civile si trasforma in Assegno Sociale? Come cambia il trattamento

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

Può succedere che la pensione di invalidità civile si trasformi in un assegno sociale. È una cosa che riguarda molti titolari del trattamento per disabili: ecco quando avviene e qual è il motivo.

L’INPS specifica nella sua circolare n.1 del 2 gennaio 2024 che le misure cambiano molto tra i cittadini per via dei dati reddituali presenti o meno in archivio e dell’adeguamento alla speranza di vita.

Pensione invalidità civile trasformata assegno sociale
Quando la pensione di invalidità si trasforma in un assegno social – machedavvero.it

La normativa vigente sottolinea che l’assegno sociale è dedicato agli invalidi civili che prendono un assegno mensile, una pensione di invalidità o una pensione non reversibile per sordi. In automatico, per questi beneficiari, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale concede l’assegno sociale. Tuttavia, in alcuni casi questo viene concesso per un requisito specifico.

LEGGI ANCHE -> Assegno Sociale 2024, tante novità per i cittadini: cosa cambia e a chi spetta

Assegno sociale: ecco a chi spetta

Per l’ottenimento dell’assegno sociale è importante che i soggetti abbiano alcuni requisiti fondamentali. Tra questi rientrano i 67 anni compiuti, stare nei limiti reddituali, avere la cittadinanza italiana o il permesso di soggiorno o cittadinanza comunitaria, avere una residenza effettiva o essere stabile per almeno dieci anni in Italia.

Assegno sociale: requisiti
Assegno sociale al posto dell’invalidità civile – machedavvero.it

Dunque, in base a quanto è stato appena detto è facile intuire come l’assegno sociale decorre per legge dal mese successivo a quello del compimento di 67 anni di età del soggetto interessato alla misura. Un criterio che non è cambiato rispetto allo scorso anno, visto che anche nel 2023 era tale il limite.

Quindi, quando ci si chiede quali siano i casi in cui la pensione di invalidità civile si trasforma nella principale misura assistenziale erogata dall’Istituto nazionale è per via del raggiungimento dell’età stabilito per legge, oppure nel caso in cui i dati reddituali del soggetto raggiungano la cifra idonea con il ricalcolo. L’operazione avverrà automaticamente e senza alcun ostacolo.

LEGGI ANCHE -> Assegno sociale, le novità da conoscere della misura: tutto quello che c’è da sapere per chi non ha contributi

È bene specificare che l’assegno è parametrato, sia come misura che come diritto, a delle prescritte condizioni anagrafiche e reddituali del diretto interessato e, in alcuni casi, anche alla presenza del coniuge. Inoltre, solamente alla presenza delle banche dati dei numeri permette all’INPS l’accertamento della misura e del diritto dell’assegno in questione. Nel caso in cui i dati non ci siano, la trasformazione avviene ugualmente, ma la somma dell’assegno è neutra come prevista per legge.

Impostazioni privacy