Rottamazioni, diritto alle rate in bilico: adesso si rischia di pagare tutto

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

Tanti italiani potrebbero perdere il diritto alle rate con cui approcciare le rottamazioni: tutto sulle recenti novità.

Arrivano novità sul fronte delle rottamazioni delle cartelle esattoriali, e non si tratta di notizie positive. Il Governo sembra intenzionato a riformulare i termini della sanatoria per i cittadini che non sono riusciti a rispettare le ultime due date del 31 e del 30 novembre.

Rottamazioni diritto rate
Il diritto alla rottamazione delle cartelle esattoriali è a rischio – (Machedavvero.it)

Negli ultimi anni lo Stato ha consentito di affrontare le cartelle esattoriali tramite le rottamazioni al saldo e stralcio oppure con la cancellazione d’ufficio di alcuni debiti diventati troppo vecchi. A queste misure si è abbinato il metodo delle rateazioni ordinarie delle cartelle.

L’importante sostegno per i contribuenti indebitati con il Fisco però potrebbe decadere in alcuni casi. A tal proposito l’Agenzia delle Entrate ha fornito spiegazioni su quali casi si arriva all’annullamento delle rate per chi ha commesso un errore con la rottamazione delle cartelle.

LEGGI ANCHE -> Debiti, arriva la rateizzazione fino a 10 anni: svolta delle cartelle esattoriali per scongiurare il pignoramento

Rate rottamazioni: l’Agenzia delle Entrate spiega quali sono i casi in cui decade la possibilità di dilazionare

La mancanza di un canale aperto per le rottamazioni, ha condotto nei guai tantissimi contribuenti, come per esempio quelli che non sono riusciti ad associarsi alle precedenti rottamazioni e sono in attesa delle nuove.

Debiti pagare senza rate
I debiti rateizzati possono decadere – (Machedavvero.it)

A questi contribuenti si associano chi ha subito la decadenza dai precedenti piani e che non può più richiedere una nuova partecipazione. E poi c’è la novità che rischia di mettere da parte in un solo colpo tutte le opzioni di uscita dei contribuenti che hanno avuto dei problemi in passato.

LEGGI ANCHE -> Rottamazione cartelle esattoriali, novità sui pagamenti: attenzione alle scadenze

Ci sono persone che hanno visto decadere la rottamazione, generando delle rate che non posso essere saltate. A questi contribuenti si affianca chi ha perso il diritto alla rateizzazione ordinaria per aver saltato un determinato numero di rate. Per le regole attuali, chi salta 8 rate di un vecchio piano di dilazione (pure se con rate non consecutive) vede decadere il diritto al pagamento suddiviso a rate.

In questo caso tutto il debito deve essere obbligatoriamente pagato in un’unica soluzione. Questo scenario si riferisce ai piani di rateizzazione relativi a domande presentate dopo il 16 luglio 2022 e anche nell’ipotesi di mancato versamento delle somme dovute per la definizione agevolata.

Insomma, molti contribuenti italiani devono stare attenti a queste indicazioni per non perdere il diritto alle rate sulla rottamazione. Il pagamento in un’unica soluzione spesso non è possibile ed è per questo che bisogna cercare sempre di essere a conoscenza delle disposizioni fornite dalla legge.

Impostazioni privacy