Airbnb, la stretta sui proprietari degli appartamenti: non potranno più farlo

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

La piattaforma Airbnb ha annunciato in via ufficiale che i proprietari non potranno più fare un’azione che per molti era comune. È una vera e propria stretta: ecco di che cosa si tratta.

Sono in tanti ad affidarsi alla piattaforma di condivisione che consente di risalire all’annuncio di affitto di una casa o una stanza, mettendo così in contatto tra loro i proprietari e i soggetti che desiderano affittarla, che siano studenti, turisti o lavoratori.

Airbnb: stretta proprietari
La stretta sui proprietari di case e stanze Airbnb – machedavvero.it

Il prezzo e il tempo di affitto della casa o della stanza in questione spetta sempre al proprietario deciderlo. La piattaforma, in ogni caso, aiuta durante il procedimento della pratica di affitto e mette in contatto facilmente le persone tra di loro. In questi ultimi tempi ci sono state delle novità riguardanti il servizio.

A dir la verità Airbnb ha annunciato una regola tutta nuova nella giornata di lunedì 11 marzo, si tratta di una misura senza precedenti che ha come obiettivo la protezione della privacy e la sicurezza dei clienti. In pratica, hanno deciso di limitare le azioni dei proprietari.

LEGGI ANCHE -> Caro affitti, risolvilo con la detrazione sconosciuta: fa risparmiare fino a 500€

Airbnb, nuova regola per la privacy: ecco cosa cambia

C’è una nuova regola che riguarda i proprietari di Airbnb, come è stato ufficializzato pochi giorni fa dagli stessi sviluppatori della piattaforma. I proprietari di case e stanze disponibili per l’affitto non avranno più diritto di installare le telecamere di videosorveglianza.

Airbnb: nuove regole
Le nuove regole su Airbnb – machedavvero.it

Questa nuova disposizione riguarda tutte le strutture abitative in tutto il mondo ed entrerà in vigore dal 30 aprile. Il responsabile Juniper Downs ha spiegato che l’obiettivo di questa nuova regola è quella di fornire alla comunità e ai clienti una maggiore chiarezza su ciò che possono aspettarsi dalla piattaforma.

Fino a questa scelta, le telecamere di videosorveglianza erano state autorizzare in alcuni ambienti come il corridoio, il soggiorno o l’ingresso delle case, a condizione che la loro presenza e ubicazione fosse indicata in modo esplicito. Non erano invece autorizzate le telecamere il cui obiettivo era puntato in bagno o in camera da letto.

LEGGI ANCHE – > Si può aprire un Bad and Breakfast in un condominio? Il regolamento parla chiaro

I proprietari saranno comunque liberi di tenere sotto controllo il rispetto delle regole della vita in un appartamento Airbnb, come il divieto di fare le feste, usando i dispositivi di misurazione dei decibel. Saranno autorizzati anche i dispositivi di allarme e i videocitofoni.

Impostazioni privacy