Fai queste pulizie domestiche? Smettila di farle, sono una perdita di tempo

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: Lifestyle

Non tutte le pulizie domestiche che si fanno abitualmente sono essenziali. Alcune sono una perdita di tempo: ecco quali sono.

Pulire casa è un’attività fondamentale non solo per l’estetica dell’abitazione, ma anche per il benessere e la serenità familiare. Tuttavia, non tutti sanno che alcune di queste sono inutili ed evitabili.

Pulizie domestiche: cosa non fare
Non tutte le pulizie servono (Credit Canva) – machedavvero.it

Alle volte le faccende di casa sono delle vere e proprie seccature alle quali voler rinunciare. Tuttavia, i professionisti delle pulizie domestiche si sono spinti a dare dei suggerimenti su come mettere in ordine, questo dopo aver confessato che ben otto attività di pulizia sono una perdita di tempo.

LEGGI ANCHE -> Come pulire i vetri: l’azione fondamentale prima di avviare la pulizia

Quali sono le 8 pulizie domestiche da non fare

La prima attività di pulizia che, secondo gli esperti, è una perdita di tempo è rimuovere la polvere da tutte le superfici ogni volta che si mette in ordine la casa. È meglio concentrarsi sullo spolverare le superfici che vengono usate di frequente, così da avere un’abitazione sempre in ordine. Un altro errore che alcuni tendono a fare è aspirare materassi e tappezzerie, questo perché dovrebbe essere un compito mensile e non quotidiano o settimanale.

Pulizie domestiche: 8 errori
Gli 8 errori da non fare nella pulizia (Credit Canva) – machedavvero.it

La stessa cosa vale per la pulizia delle finestre. Sebbene ciò possa contribuire ad aumentare la luce naturale in casa, l’effetto è di solito il minimo. È meglio dare priorità alla pulizia delle superfici interne. È un errore pulire i battiscopa spesso, anche se quando sono puliti contribuiscono ad avere un aspetto più ordinato, la realtà è che non si sporcano molto quotidianamente. Va bene pulirli una volta al mese o anche ogni due mesi.

Allo stesso modo ricordarsi che aspirare le stanze quotidianamente non serve, perché non tutte le stanze necessitano di attenzioni quotidiane. È meglio concentrarsi su quelle più trafficate. Anche con la pulizia delle pareti è pressoché inutile, poiché lavare frequentemente le pareti nel tempo può danneggiare la vernice o la carta da parati, al di là metodi usati.

LEGGI ANCHE -> Addio ai batteri delle lenzuola con un metodo rapido e veloce: pulizia completa

Stesso discorso riguarda la pulizia degli apparecchi di illuminazione, purché non siano visibilmente sporchi o non incidano sull’emissione luminosa, va bene pulirli ogni tre mesi. L’ultimo punto da considerare è l’errore nella pulizia dietro i grandi elettrodomestici e sotto i mobili grandi perché non è necessario pulirli sempre. Va bene farla ogni tre mesi o anche due volte l’anno.

Impostazioni privacy