Pensioni di luglio più ricche: l’aumento può arrivare fino a 655 euro

Pubblicato il giorno

da Giovanni Cristiano

nella categoria: News

Le pensioni in arrivo a luglio 2024 segnaleranno per un importante aumento: la cifra può arrivare a 655 euro.

Nell’ultimo periodo sono stati annunciati diversi aumenti delle pensioni, ma alla fine il cedolino non è mai variato. Gli ultimi incrementi sono scattati a gennaio per la rivalutazione e a marzo con l’aggiornamento dell’Irpef, dopodiché non ci sono state altre modifiche tali da comportare un aumento della cifra.

pensioni luglio aumento
Le pensioni di luglio saranno più ricche – (Machedavvero.it)

I media nazionali hanno continuano a parlare di aumenti delle pensioni, ma i pensionati si sono resi conto al momento del ritiro che nulla era cambiato. Ora però arriva una buona notizia per loro dato l’aumento delle pensioni previsto a luglio, ma non riguarderà tutti.

In programma infatti è il pagamento della misura conosciuta come quattordicesima, che spetta ai pensionati che hanno compiuti i 64 anni e hanno un reddito non superiore a 2 volte la cifra del trattamento minimo. Un incremento che nei migliori dei casi può arrivare a 655 euro netti.

LEGGI ANCHE -> Pensione provvisoria, come funziona? Modalità e tempistiche della nuova misura

Quattordicesima della pensione, quando viene pagata: beneficiari e importo

La quattordicesima è corrisposta dall’Inps a luglio o a dicembre di ogni anno. Viene erogata nel mese di luglio per coloro che entro il mese stesso maturano i requisiti, mentre viene rimandata alla fine dell’anno se i requisiti vengono raggiunti tra agosto e dicembre.

quattordicesima pensioni luglio
Nelle pensioni di luglio ci sarà la quattordicesima – (Machedavvero.it)

Per avere diritto alla quattordicesima è necessario aver compiuto i 64 anni di età. A differenza della tredicesima, non spetta sui trattamenti assistenziali come la pensione di invalidità civile o l’Assegno sociale. L’importo non è soggetto a rivalutazione e si mantiene uguale dal 2017, a seguito dell’aggiornamento avvenuto con la legge di Bilancio 2016.

LEGGI ANCHE -> Pensione più alta con questa strategia, la possono fare tutti

Il calcolo della cifra dipende dal reddito del pensionato, con gli importi più alti per chi non supera di 1,5 volte il trattamento minimo e più bassi per chi supera questa soglia ma resta entro le 2 volte. Ci sono poi gli anni di contributi e la gestione di appartenenza, con regole più favorevoli per gli ex dipendenti.

Da ricordare che in alcuni casi l’importo spettante viene ridotto per chi matura i requisiti nel corso dell’anno, non potendo così contare su 12 mesi pieni. Ad esempio, chi raggiunge i 64 anni solo nel 2024 oppure a chi la pensione è liquidata durante l’anno. In tal caso, l’importo viene riproporzionato in base alle mensilità in cui si maturano i requisiti.

Impostazioni privacy