Parcheggiare sulle strisce blu, in questi casi si può evitare di pagare

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

In alcuni casi è possibile parcheggiare nelle zone con le strisce blu senza dover pagare il ticket: ecco quando è previsto.

Tante sono state le volte in cui ci si trova a dover parcheggiare in aree a pagamento contrassegnate con le inconfondibili strisce blu. Peccato che capita non di rado di non avere monete a disposizione o non trovare un parchimetro funzionante nell’area.

Parcheggiare strisce blu: quando non pagare
È possibile non pagare il parcheggio a pagamento – machedavvero.it

Sono tanti gli automobilisti che si trovano nelle situazioni in cui parcheggiare la propria auto in uno spazio in cui sono presenti le strisce blu potrebbe essere un problema per via dei parchimetri che accettano solo ed esclusivamente le monete senza la possibilità di poter inserire banconote o carte di credito. A chiarire la questione è stata la Corte Costituzione che ha sottolineato quando non pagare.

LEGGI ANCHE -> Legge 104, il diritto al parcheggio riservato è sottoposto ad una condizione particolare: ecco qual è

Parcheggiare sulle strisce blu: ecco quando non pagare

Dietro all’entrata in vigore della legge di stabilità del 2016 è stato stabilito che i parchimetri devono accettare anche i pagamenti digitali, quindi con carte di debito e credito, tranne nel caso in cui non sia impossibile a livello tecnico. Non tutti però sono a conoscenza di questa disposizione e quindi credono di poter parcheggiare tranquillamente.

Parcheggiare strisce blu: cosa fare
Parcheggiare nelle aree con le strisce blu – machedavvero.it

In merito si è espressa la Corte di Cassazione che ha chiarito che il pretesto di non avere monete non giustifica il mancato pagamento del parcheggio, tranne nel caso in cui l’automobilista dimostri di aver fatto il possibile per procurarsi i soldi per il pagamento.

In poche parole, per poter non pagare il parcheggio bisogna dimostrare di essersi attivati per trovare il denaro necessario adempiere all’obbligo del pagamento della sosta: provando ad andare in un negozio nelle vicinanze, andare in un altro parchimetro nel caso in cui il primo non sia funzionante.

LEGGI ANCHE -> Parcheggio auto in condominio, attenzione al tempo dello stallo: c’è un limite da rispettare

Nel caso in cui si dovesse arrivare all’auto in ritardo e trovare la multa dei vigili sebbene il parcheggio sia stato pagato, non ci si può sentire trattati allo stesso modo di quelle persone che non pagano. In tal senso, la Corte ha stabilito che è legittimo multare l’automobilista che lascia il mezzo in sosta oltre il tempo pagato e quindi mettendolo alla pari con chi non ha acquistato il ticket. Questo perché in tutti e due i casi si viola la disciplina e quindi bisogna sanzionare.

Impostazioni privacy