Reddito energetico 2024, il fotovoltaico gratis spetta a coloro che hanno questi requisiti

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

Il reddito energetico 2024 consente alle famiglie di ottenere il fotovoltaico gratis: ecco a chi spetta il bonus e i requisiti che servono per fare la domanda.

L’aumento dell’energia elettrica e del gas e la fine del mercato tutelato sta spingendo la maggior parte dei consumatori non solo a rivedere le proprie spese domestiche ma anche trovare alternative per il riscaldamento. Una delle migliori è senza subbio l’installazione degli impianti fotovoltaici.

Reddito energetico 2024: fotovoltaico gratis
Il reddito energetico per i fotovoltaici gratis – machedavvero.it

La bella novità è che adesso è possibile ottenere i fotovoltaici gratis grazie al reddito energetico 2024. Si tratta di un contributo a fondo perduto che permette alle famiglie economicamente più fragili di poter procedere a installare dei pannelli fotovoltaici senza spendere un euro. È un incentivo confermato con il decreto Ministeriale per le erogazioni 2024 ed è stato pubblicato lo scorso 8 novembre in Gazzetta Ufficiale.

Le coperture saranno suddivise tra le regioni, dove quelle più alte spetteranno alle zone che ne hanno più bisogno. I finanziamenti che saranno messi a disposizione dagli enti locali, consentendo alla misura di autofinanziarsi in quanto l’energia prodotta in eccesso è rivolta alle Regioni e ai Comuni così da alimentare autonomamente il sistema.

LEGGI ANCHE -> Pannelli solari, nuova agevolazione per le famiglie: a disposizione 5.000€ a fondo perduto

Reddito energetico 2024: come funziona

Come abbiamo accennato, il reddito energetico è un incentivo a carattere regionale con lo scopo di finanziare l’installazione di impianti di produzione energetica rinnovabili. È bene sottolineare che il bonus del reddito energetico non è cumulabile con le altre agevolazioni in materia energetica.

Reddito energetico 2024: come funziona
Il reddito energetico per il 2024 – machedavvero.it

Dopo l’accettazione del contributo energetico il beneficiario è chiamato a sottoscrivere una convenzione con il GSE per l’attivazione del servizio di scambio dell’energia elettrica prodotta sul posto, la cessione dei crediti maturati al GSE della Regione e l’autoconsumo. Per fare domanda del beneficio sono previsti limiti ISEE. Attualmente non è ancora possibile inoltrare la domanda per il beneficio.

Il reddito energetico è nato per consentire l’accesso alle energie rinnovabili anche dove non c’è un disagio vero e proprio sia dal punto di vista economico che energetico. Il Fondo del reddito energetico, inoltre, ha due obiettivi: quello di abbattere il costo delle bollette energetiche e quello di favorire la diffusione dei sistemi di energia rinnovabili coinvolgendo quindi tutta la popolazione.

LEGGI ANCHE -> Bonus pannelli fotovoltaici, incentivi e detrazioni in arrivo nel 2024

Una particolare attenzione ci sarà per le regioni del Sud Italia, le quali potranno usufruire dell’80% delle risorse. Le coperture per il 2024 e 2025 sono di 200 milioni di euro: 80 milioni di euro per Abruzzo, Calabria, Basilicata, Molise, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna; i restanti 20 milioni spetteranno alle altre regioni.

Impostazioni privacy