Bonus rimozione amianto, così puoi ottenere il rimborso delle spese

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

È possibile ottenere e richiedere il bonus per la rimozione amianto. Si tratta di un rimborso per le spese ingenti sostenute: ecco come funziona.

Sappiamo bene come l’amianto non sia più utilizzabile nel nostro paese. Tuttavia, è presente ancora in diversi siti e per questo bisogna smaltirlo. L’operazione per la rimozione, però, è molto costosa, ma per fortuna c’è la possibilità di poter ottenere un beneficio.

Bonus rimozione amianto: come ottenerlo
È possibile ottenere la detrazione per la rimozione dell’amianto – machedavvero.it

Il bonus per la rimozione dell’amianto non è altro che una detrazione fiscale che contente di ottenere uno sgravio fino al 50% della spesa sostenuta per lo smaltimento per il materiale, il quale in passato era molto utilizzato per realizzare industrie, capannoni, tetti e treni. A fornire i chiarimenti in merito all’incentivo è stata l’Agenzia delle Entrate la quale ha dato importanti informazioni su come richiedere l’agevolazione e quali sono i casi in cui è prevista.

LEGGI ANCHE -> TARI non si paga: c’è il bonus per la tassa sui rifiuti per chi ha questo ISEE

Bonus rimozione amianto: come funziona

Fino a qualche anno fa, l’amianto rappresentava la soluzione più economica ed efficiente per l’isolamento termico. Dietro alcuni problemi legati alla salute delle persone, è stato deciso per il divieto dell’installazione proprio perché lo sfaldamento potrebbe provocare dei danni ai polmoni, oltre al fatto che le fibre potrebbero causare tumori al polmone, all’ovaio e alla laringe.

Bonus rimozione amianto: come funziona
La detrazione fino al 50% per la rimozione amianto – machedavvero.it

Sebbene ci sia il divieto, in Italia non c’è l’obbligo di rimuovere l’amianto e per questo la spesa è a cario del privato. Come si legge su Money, il prezzo per smaltire il materiale è di circa 20-25 euro al mq. Ma questo può aumentare nel caso in cui c’è il rischio di contaminazione e quindi bisogna procedere con l’incapsulamento.

L’Agenzia in tal sento ha precisato che è possibile ottenere la detrazione fiscale per le spese sostenute. Questo perché trova la sua applicazione nell’articolo 16-bis, comma 1, lett l del TUIR che prevede la possibilità di ottenere il 50% di rimborso su un ammontare di 96mila euro. Tuttavia, le detrazioni possono essere ottenute solo in base alla correlazione della capienza fiscale.

LEGGI ANCHE -> Bonus con ISEE 2024: gli incentivi per le famiglie in base al reddito

Per ottenere gli incentivi fiscali per la rimozione dell’amianto bisogna fare attenzione al pagamento che deve essere tracciabile, quindi utilizzare un bonifico e non può avvenire in contanti. In merito alla causale, è necessario che si indica: “bonifico per detrazioni previste dall’ articolo 16-bis del DPR 917/1986”.

Impostazioni privacy