Bonus di 460 euro in arrivo, l’agevolazione spetta solo a chi ha questo ISEE

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

È in arrivo un nuovo bonus di 460 euro. L’agevolazione è dedicata solo a coloro che hanno un determinato ISEE: ecco qual è e come funziona.

Un nuovo incentivo dovrebbe arrivare tra poche settimane ed è dedicato alle famiglie che hanno un reddito basso. Una misura introdotta dalla Legge di Bilancio 2023 ed è stata confermata anche per il 2024.

Bonus 460 euro: riceverlo ISEE
Ricevere l’incentivo da 460 euro – machedavvero.it

Numerosi sono i bonus disponibili per le famiglie italiane. Uno degli ultimi incentivi è stato introdotto lo scorso anno e confermato anche nei prossimi mesi e prevede agli italiani con basso reddito di poter richiedere e ottenere la Carta Dedicata a Te, un mezzo che riconosce alle famiglie una somma di denaro determinata. È un’iniziativa nata per aiutare i cittadini più bisognosi per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità, ma non solo.

LEGGI ANCHE -> Bonus con ISEE 2024, attenzione a questo importo: non deve essere superato

Carta Dedicata a Te, il bonus da 460 euro: ecco come funziona

La Carta Dedicata a Te rappresenta un’alternativa valida alle altre agevolazioni riconosciute dallo Stato. Per garantire alle famiglie l’incentivo sono stati stanziati 600 milioni di euro, utili per riconoscere circa 1 milione e 300mila carte da distribuire alle famiglie, ognuna per un importo che oscillerebbe tra i 457 e 460 euro.

Bonus 460 euro: Carta Dedicata a Te
Carta dedicata a te è il bonus per le famiglie – machedavvero.it

L’importo non varia a seconda della condizione economica delle famiglie, a differenza degli altri tipi di bonus, in quanto tutti i beneficiari hanno diritto alla cifra stabilita per legge. La buona notizia è che per avere il bonus non bisogna presentare alcuna domanda, ma viene riconosciuta direttamente alle famiglie con un ISEE pari o inferiore a 15mila euro.

L’ordine di priorità viene assegnato in base al numero dei componenti della famiglia e alla presenza di figli minorenni. Coloro che rientrano nelle posizioni utili saranno poi contattati dal Comune di residenza per la consegna delle carte con la somma stabilita. La graduatoria non è nazionale ma locale.

LEGGI ANCHE -> Bonus per bollette e spese 2024, come richiederli: la guida per non perdere nessuna agevolazione

Esattamente come nel 2023, anche nel 2024 ci dovrebbe essere lo stesso ordine di priorità: all’inizio le carte saranno assegnate alle famiglie con almeno 3 componenti, di cui uno nato entro il 31 dicembre 2010; in seguito si tiene conto delle famiglie con almeno 3 componenti, di cui uno nato entro il 31 dicembre 2006; solo alla fine si prenderanno in considerazione le famiglie con meno componenti.

Impostazioni privacy