Cucina pulita? Questo è quello che pensi tu: i 9 elementi più sporchi e difficili da pulire

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: Lifestyle

La cucina può essere fintamente pulita. Ci sono 9 elementi sporchi e difficili da pulire per vari motivi: ecco quali sono e a cosa fare attenzione.

Il cuore della casa è la cucina, questo perché è il luogo in cui si passa la maggior parte del tempo, ma è anche la stanza più sporca dell’abitazione. C’è tanto disordine: pavimento appiccicoso, forno incrostato, stoviglie sporche e altro ancora. Alcune aree però vengono trascurare perché difficilmente da vedere la sporcizia e quindi sono dimenticate.

Cucina pulita: attenzione parti
Le parti della cucina difficili da pulire – machedavvero.it

Basta pensare a tutte le aree e agli oggetti che in genere si usano tutti i giorni mentre si prepara il cibo. Pensiamo alle maniglie, ripiani della cucina, i lavelli, le spugne, le bottiglie di acqua e altro ancora. Si tratta di parti fondamentali da disinfettare tutti i giorni od ogni settimana per evitare che si accumulino batteri. In tal senso sono stati indicati quali sono i 9 elementi più sporchi e difficili da pulire, alcuni di questi nemmeno ci si pensa.

LEGGI ANCHE -> I 5 incredibili trucchi per pulire la casa, queste soluzioni ti faranno svoltare

Cucina pulita: ecco i 9 elementi più difficili da pulire

È importante ricordarsi di lavare e disinfettare settimanalmente tutte le manopole, pulsanti o touchpad degli elettrodomestici perché spesso vengono trascurati quando si pulisce la cucina. Ricordarsi che è molto importante per l’igiene della cucina disinfettare il lavello dopo ogni preparazione dei pasti e lavaggio dei piatti, in quanto è soggetto a schizzi continui ogni volta che si lava un alimento.

Cucina pulita: 9 elementi sporchi
I 9 elementi sporchi da pulire – machedavvero.it

Fondamentale anche lavare le spugne, spazzole e strofinacci in quanto contengono alti livelli di batteri, se non lavate e disinfettate. Alcuni batteri piuttosto dannosi possono effettivamente crescere all’interno del tuo frigorifero, per questo è importante pulirlo per bene almeno una volta al mese. I taglieri, soprattutto quelli di legno, possono ospitare batteri nei piccoli angoli e fessure; ricordarsi di avere almeno due taglieri separati: uno per frutta e verdura e uno per le carni.

Anche l’acqua pulita che rimane in un ambiente caldo e umido come una caffettiera può creare un ambiente perfetto per la crescita di batteri, lieviti e muffe; alcuni piccoli elettrodomestici devono essere puliti dopo ogni utilizzo. Pure i contenitori per il pranzo, borse per la spesa e bottiglie d’acqua riutilizzabili esiste il rischio di contaminazione incrociata da batteri, a meno che non sia stato pulito correttamente.

LEGGI ANCHE -> Mobili della cucina difficili da pulire? Segui queste indicazioni, sembreranno come nuovi

Non bisogna trascurare i banconi della cucina che spesso sono le aree in cui vengono posizionati quotidianamente borse, borse della spesa e altri oggetti oltre a essere un luogo in cui preparare il cibo. Un ultimo punto sporco da considerare sono le saliere e le pepiere da cucina, questo perché vengono toccati di frequente.

Impostazioni privacy