Eurospin cerca te, apri un negozio nella tua città: farlo è facilissimo

Pubblicato il giorno

da Isabella Insolia

nella categoria: News

Per tutti coloro che hanno come obbiettivo quello di aprire un negozio Eurospin in franchising devono sapere che ci sono alcune regole e requisiti: ecco cosa conoscere.

Una delle parti più importanti della storia del discount è il franchising. In questo modo, il marchio ha continuato a diffondersi su tutto il territorio. L’obiettivo dell’azienda, infatti, è sempre stato quello di garantire una grande capillarità dell’intera rete così da raggiungere nuove aree.

Eurospin franchising: come fare
Aprire un negozio Eurospin – machedavvero.it

Proprio per questa indole espansiva, Eurospin è sempre alla ricerca di persone volenterose pronte ad aprire un franchising sul territorio. Parliamo di imprenditori pronti a dedicarsi direttamente e attivamente alla direzione dei negozi ma sempre con il supporto e gli stessi principi e obiettivi dei punti vendita diretti. È di certo un percorso lungo, dove sarà importante avere anche una dimestichezza nel settore.

LEGGI ANCHE -> Eurospin ti porta in vacanza, l’opportunità da non perdere

Aprire un Eurospin in franchising: come fare

Al di là della dimensione del punto vendita, l’imprenditore deve sapere che per aprire un negozio Eurospin in franchising deve possedere delle caratteristiche specifiche e rispettare nel dettaglio l’iter. È bene sottolineare che non serve un titolo di studio specifico, ma bisogna possedere un attestato SAB e HACCP per somministrare alimenti e bevande. Parliamo di un requisito di garanzia importantissimo.

Eurospin franchising: come fare
I passaggi per aprire un negozio Eurospin – machedavvero.it

Per coloro che hanno lavorato per due anni nei cinque anni precedenti in un’attività in cui bisognava somministrare cibo e bevande non serve fare il corso e prendere l’attestato. In ogni caso, è sempre consigliato avere un’esperienza, anche breve, nel mondo delle vendite così da garantirsi la giusta dimestichezza sui rapporti con il pubblico. È necessario assumere i collaboratori in un numero proporzionato alle dimensioni del locale e, ovviamente, tutti loro dovranno essere regolarmente messi sotto contratto.

Bisogna poi seguire alcuni step fondamentali come l’apertura di partita IVA, l’iscrizione alla Camera di Commercio locale, l’invio della comunicazione unica per l’inizio dell’attività al comune locale del negozio, l’apertura della posizione INPS o INAIL per il proprietario e i collaboratori, il pagamento dei diritti SIAE per la musica, la certificazione anti incendio dei Vigili del Fuoco. È importante che ci sia anche la sottoscrizione delle assicurazioni, il nulla osta sanitario Asl, il permesso per immettere l’insegna esterna, l’installazione dei POS alle casse e il permesso per la vendita alcolici e superalcolici.

LEGGI ANCHE -> Casetta a pannelli da Eurospin, offerta solo online: rimangono pochi pezzi

Per l’apertura dei locali è necessario andare nelle pagine web della catena dove è presente un form per inoltrare la domanda. All’interno del form ci sono degli elementi che vanno riportati quali: dati sulle generalità dell’interessato; dati tecnici del terreno o del fabbricato; dati sulla superficie complessiva coperta, di vendita, del magazzino e del parcheggio.

Impostazioni privacy